fbpx

Intervista a Marco Bigornia: come si diventa un coach di successo in Italia

Intervista a Marco Bigornia: come si diventa un coach di successo in Italia

da | Business

Spread the love

«Allenati per l’Eccellenza»: questo il motto cardine di Marco Bigornia, Trainer Director dell’omonimo hub della formazione che, come si spiega nel sito ufficiale del suo Institute For Coaching & NLP, nella sfera del Coaching e della Programmazione Neurolinguistica fa ruotare una ricca e articolata gamma di ulteriori discipline, con l’obiettivo di offrire un’ineguagliabile supporto alle aziende e ai Coach nei molteplici aspetti della loro attività. Costituita da un gruppo di professionisti specializzati, è attiva nella formazione in Europa e in Sud America ed estende la sua presenza all’Asia attraverso il sistema di certificazioni per la LUXX profile, mantenendo costanti gli aggiornamenti sui trend mondiali e le nuove frontiere del Coaching. Per tutto questo l’«Eccellenza» è intesa come un processo di costante e permanente miglioramento, risultato della connessione interdisciplinare e della profonda attenzione per l’Uomo e i suoi valori.

Ho avuto il piacere di incontrare Marco Bigornia per quella che, più che un’intervista, definirei un colloquio, personale e professionale, svoltosi sul filo di uno scambio reciproco di vision comuni e già condivise.

Non a caso Marco fa già parte da tempo della grande famiglia di Social Academy e, oggi, ancora di più. «Allenati per l’Eccellenza» è infatti, ormai, un must nel marketplace di Social Academy: qui puoi vedere una buona parte dei corsi tra cui scegliere per migliorare e ottimizzare la tua formazione. Inoltre, notizia di questi giorni, anche Marco ha scelto di investire in Social Academy, in occasione della campagna di crowdfunding partita su CrowdFundMe: mettendoci la faccia, insomma, per esortare tutti a far parte davvero della Rivoluzione Digitale, unendosi alla #EducationRevolution e sostenendo il progetto che puoi vedere qui.

Per comprendere l’importanza di un simile gesto, il valore aggiunto che l’investimento di un personaggio come Marco Bigornia riveste per la campagna, è opportuno chiarire bene anzitutto chi è Marco e come si articola la sua attività. E’ stata la nostra prima domanda e, come vedremo, la sua risposta è già indicativa della sua «umiltà»: segno distintivo di tutti i veri «grandi».

Marco, anzitutto come gradisci che ti presentiamo?

«Non voglio titoli. Ne ho vari, ma non me ne importa niente. Preferisco semplicemente il mio nome, mi suona meglio più di tanti titoli».

«Formatore di grande successo», però, lo possiamo scrivere, vero?

«Diciamo che sono uno che si è lanciato in questa professione e sono molto soddisfatto, sia della parte coaching sia della parte formazione. Sono ormai quattordici anni che lavoro in proprio: dopo un tempo così lungo, vuol dire che quest’attività la fai proprio per passione e perché ti piace, oltre che certo perché funziona anche economicamente».

Qualche parola in più, su Marco e la sua attività, la spendiamo noi. Laureato in Economia presso la Facoltà di Economia dell’Università di Perugia, ha svolto un Erasmus in Belgio presso la Facoltà di Economia dell’Università di Liegi e partecipato ad un corso di Financial Market presso la London School of Economics. Marco è Professional Certified Coach della International Coach Federation, NLP Business Trainer della International NLP Trainers Association, nonché Mentor Coach della International Coach Federation. Come Business Trainer in PNL dell’International NLP Trainers Association, dal 2006, eroga corsi di formazione in PNL con le certificazioni internazionali della International NLP Trainers Association. La sua formazione in PNL è avvenuta in Germania, tra Monaco di Baviera e Wiesbaden, nel Regno Unito (Londra), dove ha seguito il corso per diventare coach della ICF, senza contare due ulteriori formazioni in PNL con Richard Bandler & John La Valle negli Stati Uniti ad Orlando (Meditation Magic & Change 2011) e nel Regno Unito a Brighton (Neuro Hypnotic Repatterning 2011). Attualmente, come detto, Marco è Trainer Director di «Allenati per l’Eccellenza» e del corso European Coaching & NLP Program, Corso ACTP della International Coach Federation dal 2013.

La vision dell’Institute dice già tutto: «Contribuire a generare un mondo in cui ogni individuo vive pienamente Unicità, Libertà, Responsabilità e Sostenibilità verso un profondo systemic alignment». Altrettanto giova ricordare la mission: «Formare Coach, Manager Coach, Imprenditori e Professionisti Coach nella relazione e nella comunicazione d’Eccellenza attraverso la combinazione dei valori e degli strumenti del Coaching e della PNL».

Com’è stato possibile costruire tutto questo? Proprio questo abbiamo chiesto nello specifico a Marco.

Come si diventa «formatori di successo»?

«Con molto impegno, molto studio e zero improvvisazione. È una formula non comune: nella mia esperienza purtroppo ho visto molti presunti professionisti che improvvisano tanto, studiano poco e sono poco appassionati. Al contrario, io ho fatto tutta la mia formazione in NLP all’estero, in Germania, con un’associazione che ha standard di certificazione tripli rispetto alle associazioni più comuni. Per diventare Pratictioner in NLP ho fatto diciotto giorni di corso, per diventare Master ne ho fatti venti, per diventare Trainer altri ventisette. Credo che sia questo a contraddistinguermi di più ed è questo modello che sto cercando di portare in Italia, ma anche in un Paese come il Sud America, pur con gli inevitabili sacrifici e sforzi, per assicurare a chi frequenta i nostri corsi gli standard di certificazione più elevati rispetto a quelli normalmente reperibili sul mercato».

Come si articola esattamente la tua attività?

«In genere sono le aziende a contattarmi, o per fare Business Coaching al Top Management della compagnia, oppure perché ci sono corsi per diventare formatori o manager, per integrare cioè le competenze del coach con quelle del manager. Lavoriamo molto non solo con l’Italia, ma anche con l’estero. Oltre a Paesi come il Sud America, la Germania, il Cile, ora ad esempio stiamo partendo con la Spagna. Adesso stiamo lanciando anche un nuovo programma con Roberto Vaccani, professore della Bocconi, una vera eminenza nel settore. Nei prossimi mesi andremo a vivere in Spagna, a Valencia: mi dividerò tra Spagna e Italia».

Vi definite un «hub della formazione»: che s’intende esattamente?

«Significa che portiamo avanti attività come coaching e formazione, coaching e sport, coaching e leadership. Adesso arriverà anche il progetto coaching e NLP. Siamo gli unici ad avere un sistema così articolato per coprire tutte le possibili branche d’interesse».

Come si sviluppa una tua giornata tipo?

«Quella che mi piace di più inizia alzandomi quando si sveglia mia figlia, intorno alle 7-7,30, accompagnandola all’asilo. Poi faccio colazione e, quindi, inizio la mia giornata lavorativa. Se posso, infatti, il primo appuntamento lo prendo verso le 10, non prima. Io non sono un tipo mattiniero: preferisco dormire full e poi lavorare full, a pieno ritmo. Il resto della giornata si scandisce tra appuntamenti, video conferenze e così via. Poi pausa pranzo e poi di nuovo via, tutto il pomeriggio tra riunioni online e offline. Questo naturalmente quando non ho l’aula. In tal caso, tutto il tempo è dedicato ai corsi e si lavora sino alle 20».

Molti tuoi corsi sono disponibili anche sul Marketplace di Social Academy. Che benefici hai tratto dalla piattaforma?

«Moltissimi. Collaboriamo ormai da tre anni e da Social Academy mi arrivano contatti e “allievi” di ottima qualità. Lavorare con Social Academy si è rivelato particolarmente proficuo per la scuola. Ho anche, naturalmente, Business in Cloud. Ho sottoscritto da tempo un abbonamento alla loro Educational Marketing Platform: confesso che, offrendo lo strumento una gamma di potenzialità davvero ricca, devo ancora impadronirmi bene di tutte le funzionalità. Me lo sono voluto però aggiudicare da subito, dato il suo grande valore».

A questo proposito, ora stai sostenendo ancora di più Social Academy e Business in Cloud: hai, infatti, scelto di diventare un investitore di Social Academy, nella campagna di crowdfunding che si sta tenendo su CrowdFundMe. Come mai questa decisione?

«Beh, intanto perché a Social Academy devo molto. Negli ultimi tre anni si è elevato tantissimo il livello dei contatti: la loro qualità e, di conseguenza, anche la loro quantità. Abbiamo sempre riempito le aule in questo modo! C’è poi un trattamento fiscale importante, che consente di dedurre il 40% dell’investimento: ciò significa anche, in qualche modo, poter permettersi d’investire il 40% in più di quanto normalmente avresti fatto. E poi l’amico Andrea Genovese va sempre sostenuto! Non solo, appunto, per l’amicizia e la simpatia che ci legano: non mi sarei regolato come ho fatto solo per questo. Noi, infatti, abbiamo un rapporto molto schietto. A colpirmi sono sempre stati la professionalità sua e del team che lo accompagna. Mi sono sempre trovato benissimo con loro ed è giusto, in casi come questi, metterci la faccia e assicurare un impegno concreto. Faccio il tifo per Social Academy, doppiamente ormai».

Bene, Marco. Per concludere, c’è qualche step particolare che ti aspetta nella tua attività?

«Il prossimo passo che voglio fare e cui tengo molto è “spersonalizzare” e, con il supporto di Social Academy, digitalizzare l’attività del Gruppo. Ci sono tre-quattro persone molto capaci che consentiranno alla Scuola di essere meno dipendenti da “Bigornia Marco”: figura ricercata, molto, ma è importante che vengano valorizzate anche e proprio le altre risorse che ci sono e sono degne della massima attenzione. Così, che un corso lo tenga io, oppure X o Y, per il cliente dev’essere la stessa cosa. Stiamo attendendo anche altri importanti ingressi oltre a quello di Roberto Vaccani. Non resterete delusi!».

In effetti, basta dare una occhiata al team qui per farsi subito un’idea della ricchezza offerta dalla Scuola di Marco Bigornia. Pensiamo a Gaia Faccioli, Professional Certified Coach (PCC) della International Coach Federation (ICF), NLP Master Practitioner della International NLP Trainers Association (INLPTA), membro dell’Associazione Italiana Coach Professionisti (AICP); oppure Antonella Villa, Professional Certified Coach (PCC) della International Coach Federation ICFICF Instructor del corso European Coaching & NLP ProgramNLP Master Practitioner della International NLP Trainers Association (INLPTA). O, ancora, Roberto Filogamo, Accredited Coach Training Program, NLP Practitioner della International NLP Trainers Association e membro dell’Associazione Italiana Coach. Un gruppo d’eccezione che, con il team di Social Academy, ha rafforzato la propria ricchezza: e ora che Marco è anche socio, il binomio non potrà che essere ancora più vincente.

 

da | Lug 10, 2019

Porta online la tua attività

Business in Cloud è la prima piattaforma italiana che ti aiuta a digitalizzare la tua professione in modo semplice e a gestirla in completa autonomia senza nessuna conoscenza tecnica.

Leggi anche