fbpx

Come avviare un’impresa senza spendere un patrimonio

Come avviare un’impresa senza spendere un patrimonio

da | Business

Spread the love

Come avviare un’impresa senza spendere un patrimonio

Come avviare un’impresa senza spendere un patrimonio? In questo nuovo articolo nel quale scoprirai come diventare imprenditore senza investimenti eccessivi

Ti stai chiedendo come avviare un’impresa, forse hai già un’idea per qualcosa di nuovo, oppure vuoi ampliarti perché offri già dei servizi o prodotti. Sei pronto ad assumerti qualche rischio, lasciare il tuo lavoro o fare a meno di un’entrata fissa per un po’. Ma c’è un piccolo problema: non hai molti soldi.   Potrebbe sembrarti un problema insormontabile ma, a pensarci bene, non è la mancanza di capitale a impedirti di realizzare i tuoi sogni. Infatti, è possibile avviare un’impresa senza investire troppo denaro se sai cosa fare.

Quanto vale il tuo talento? Scopri la tua vera vocazione lavorativa con il nostro skill game!

A cosa servono i soldi

Prima di cominciare, vediamo a cosa servono i soldi. Non c’è un costo fisso per avviare un’impresa, ogni attività ha i suoi costi. Ma è fondamentale fare una stima delle spese che incontrerai.   Ecco alcune delle voci da considerare:

  • Licenze e permessi. Variano in base alla zona, e il loro costo può variare anche in base al genere di attività.
  • Forniture. Devi acquistare materiali? Ti servono computer o altri dispositivi? 
  • Attrezzature. Ti servono attrezzature o software particolari? 
  • Uffici. È una spesa molto importante, e poi ti servirà internet e ci sono le utenze, i costi di condominio e altre spese correlate.
  • Spese operative. Oltre alla produzione ci sono altri costi da considerare, ad esempio quelli legati al marketing.
  • Spese legali e commercialista. Spesso dovrai rivolgerti a professionisti per determinati servizi legali o fiscali.
  • Dipendenti, freelance e contractor. Se non puoi fare tutto da solo dovrai pur pagare qualcuno.

 

Leggi anche: Come fare un Business Plan? Esempi e consigli

Come avviare un'impresa senza spendere un patrimonio

Come avviare un’impresa senza spendere un patrimonio

Come avviare un’impresa riducendo le spese

Detto questo, ci sono due modi fondamentali per avviare un’impresa riducendo le spese: abbassare i costi o aumentare il capitale a disposizione grazie a interventi esterni. E le opzioni sono le seguenti:

1. Ridurre le proprie necessità

La prima opzione consiste nel cambiare il proprio modello di business per ridurre le necessità di spesa già elencate. Ad esempio, se puoi partire offrendo dei servizi di consulenza o lavorando da freelancer non dovrai pagare degli impiegati. Se non hai bisogno di un ufficio puoi lavorare anche da casa.

Leggi anche: Lavori redditizi da fare a casa: le 9 professioni più interessanti

Certo, ci sono alcune spese impossibili da evitare. Le licenze e le autorizzazioni restano ma vi sono tante agevolazioni per le piccole imprese.

2. Procedere per gradi

La seconda opzione prevede un periodo di “rodaggio” per il tuo business. Invece di avventurarsi e fare le cose in grande puoi partire a piccoli passi. Puoi lanciare un blog con un servizio di nicchia, ridimensionando obiettivi, pubblico e profitti. Puoi partire da libero professionista limitando le voci di spesa iniziali (e avere una situazione fiscale più gestibile).   E una volta che avrai cominciato a guadagnare, puoi investire in te stesso e metter su il business che hai immaginato pezzo per pezzo invece che tutto in una volta. 

Contatta uno dei nostri coach per orientarti nel mondo del lavoro e capire come sviluppare il tuo percorso professionale

 

3. L’outsourcing

La terza opzione consiste nel farsi finanziare da fonti esterne. Ci sono diversi modi per individuare e ottenere i capitali per avviare un’impresa, eccone alcuni:

  • Amici e familiari. Non escludere l’eventualità di farti aiutare da amici e parenti, anche se non possono coprire tutte le spese possono alleggerire l’investimento iniziale.
  • Investitori. Gli investitori possono essere persone benestanti disposte a sostenere il tuo business in cambio di una quota della tua società, un sacrificio da considerare. Ve ne sono di due tipi, alcuni investono su imprese in fase di avviamento, altri preferiscono sostenere imprese già avviate al fine di espanderle. 
  • Crowdfunding. Sta diventando sempre più popolare e viene utilizzato per finanziare praticamente qualsiasi cosa.
  • Bandi pubblici e finanziamenti. Esistono diversi bandi per ottenere finanziamenti per le piccole imprese, è importante però avere tutti i requisiti richiesti. 
  • Finanziamenti bancari. Un’altra opzione valida che può essere considerata.

 

Leggi anche: Come creare e gestire un piccolo business “minimalista”?

Grazie a queste opzioni puoi ridurre il tuo investimento iniziale in maniera considerevole. Certo, dovrai affrontare altri sacrifici, magari partire pian piano, rassicurare i partner o indebitarti, ma se credi nelle tue idee nulla può impedirti di avere successo. Trovare il capitare per avviare un’impresa non è facile, ma neanche impossibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Sappi che potrai leggere molte altre preziose informazioni riservate ai nostri utenti per rimanere aggiornato sul mondo del lavoro 2.0: iscriviti GRATUITAMENTE a Social Academy

da | Ago 24, 2017

Porta online la tua attività

Business in Cloud è la prima piattaforma italiana che ti aiuta a digitalizzare la tua professione in modo semplice e a gestirla in completa autonomia senza nessuna conoscenza tecnica.

Leggi anche