fbpx

Da imprenditore a formatore: trasformare le proprie competenze in un prodotto formativo

Da imprenditore a formatore: trasformare le proprie competenze in un prodotto formativo

Spread the love

Quanto è importante, per un imprenditore, essere anche un formatore?

Se sei il proprietario di un’azienda e ti stai ponendo questa domanda, sappi che la risposta è una sola: è molto, molto importante.

Ricoprire anche mansioni da formatore per i tuoi dipendenti, per i tuoi colleghi ma anche e sopratutto per i tuoi clienti, non è una skill superflua, contrariamente a quanto tu possa pensare. 

Probabilmente avrai notato che negli ultimi anni moltissimi imprenditori, consulenti e professionisti stanno creando academies e contenuti formativi che utilizzano per differenziarsi dalla concorrenza, acquisire e fidelizzare clienti e collaboratori.

Perchè? Perchè il cuoco realizza video sulle migliori ricette? Perchè il consulente apre la sua academia di formazione online? Perchè molti imprenditori hanno deciso di raccontare le proprie esperienze realizzando video gratuiti o veri e propri corsi di formazione?

Semplice, oggi dobbiamo dare, prima di ricevere.
E non è solo un atto di altruismo, bensì una strategia di marketing!

Ebbene sì, in un mercato così competitivo, se non sei tu a formare i tuoi collaboratori o i tuoi potenziali clienti, loro andranno a cercare altrove le risposte ai propri problemi e incontreranno sicuramente la tua concorrenza!

Oggi per vendere devi offrire aiuto, contenuti gratuiti, dare valore, per ottenere la fiducia, posizionarti nella mente dei tuoi interlocutori e superare le resistenze, sempre molto alte all’inizio di ogni relazione.

Quindi, caro imprenditore, professionista, consulente, inizia a metterci la faccia, inizia a comunicare, inizia a raccontare la tua esperienza, a trasferire le tue competenze. Chi meglio di te può farlo?

Questa soluzione ti porterà un’infinità di vantaggi, oltre che in termini economici e di efficienza, anche dal punto di vista dell’appagamento e della gratificazione, al punto che potresti anche decidere, qualora ti andasse di cambiare parzialmente mestiere e perché no, di diventare un formatore.

Da imprenditore a formatore: le tappe della trasformazione

Innanzitutto, per imparare a svolgere anche questa mansione, parti dalle basi. Per la precisione dalle tue basi: ripensa a quando hai iniziato a svolgere questo mestiere, a quando hai creato la tua impresa, a quando sei entrato nel settore, insomma, alla tua gavetta. 

Tu ce l’hai fatta, hai avuto successo, sei diventato un imprenditore che adesso si preoccupa di formare altre persone, quindi hai camminato lungo il percorso giusto, che ti ha condotto ad un traguardo invidiabile. Se vuoi circondarti di collaboratori altrettanto validi sarà fondamentale trasmettergli gli assi nella manica che ti hanno guidato quando eri tu dall’altra parte della barricata, ovviamente trovando il modo più adatto di trasmettere il messaggio. 

Non essere né troppo duro, altrimenti anziché motivare i tuoi ascoltatori sortirai l’effetto contrario e finirai per scoraggiarli, ma neanche troppo fiacco e buontempone, sei comunque colui che ha più esperienza e leadership, e che quindi deve condurre il gioco. 

In più, per stimolare i tuoi dipendenti a dare il massimo, è importante fargli capire che non sarà tutto rose e fiori, ma anzi, dovrai rimarcare anche le parti più difficili del vostro settore lavorativo e dell’avanzare della propria formazione e carriera.

Un altro consiglio in termini comunicativi è quello di coinvolgere i tuoi ascoltatori: spronali a parlare, farti domande, esporre le proprie curiosità e perplessità e a dire la propria. Insomma, rendili partecipi, fa in modo che il tuo ruolo di formatore non si traduca nell’esposizione di una lezione sterile, una filippica che sarà dimenticata dopo cinque minuti: sarebbe una perdita di tempo tanto per te quanto per chi ti ascolta. 

Coinvolgendo la platea, l’attenzione sarà maggiore, così come la propositività ad applicare i consigli ascoltati, e questo contribuirà anche a creare un’atmosfera migliore sia tra te e i tuoi collaboratori che tra loro stessi: porre le basi per un terreno di confronto comune porterà sicuramente a creare una rete di stimoli e aiuti reciproci che non potrà fare che bene.

Da imprenditore a formatore

Una strada per il futuro: diventare unicamente un formatore è una buona scelta

La vita da imprenditore non è facile: comporta sacrifici, rischi, preoccupazioni e stress. Ha innumerevoli vantaggi, senza dubbio, ma ad un certo punto della tua esistenza potresti esserne saturo, potresti aver voglia di dare una sterzata alla tua carriera lavorativa e di fare qualcosa di più appagante e stimolante, con meno responsabilità ma altrettanti riconoscimenti, economici e umani. 

In tal caso, tieni in forte considerazione l’idea di diventare un formatore: non c’è nulla di male nel ritirarsi da una posizione imprenditoriale per dedicarsi alla crescita di chi invece a questa vita ci si sta affacciando, a plasmare le menti e le strategie lavorative dei giovani grazie alla tua maggiore esperienza. 

Il passaggio potrebbe essere traumatico all’inizio, ma quando inizierai ad ingranare, andrai incontro ad una serie di vantaggi e ti toglierai delle soddisfazioni non da poco: ti farai un nome, creando un’utile rete di contatti, diventando magari un punto di riferimento nel settore della formazione aziendale e una figura guida per molti giovani. 

Fidelizzerai i tuoi clienti abituali, che ricorreranno a te per ogni tornata di nuove assunzioni o per ogni step della crescita del proprio organico; non avrai più dipendenti la cui stabilità economica, e di conseguenza le loro vite, dipendono dalle tue scelte imprenditoriali, e sicuramente crescerai anche tu come persona: insegnare ed imparare sono due facce della stessa medaglia, ognuna indistricabilmente legata all’altra.

Partire dalle video lezioni: e-learning e micro-learning

Per approfondire e per scoprire quale approccio ti piacerebbe adottare alla tua traslazione in formatore, ti consigliamo di leggere gli articoli “Microlearning: definizione, vantaggi, piattaforme ed esempi”, “Corporate Academy: Perché le grandi aziende scelgono la formazione” e “10 buone ragioni per creare un corso online”. 

Moltissimi imprenditori, professionisti ed esperti, famosi e non, hanno già iniziato ad affacciarsi a questo modo così innovativo per far crescere la propria attività online, sfruttando il potere del web, che permette loro di “fare il lavoro una volta per tutte” grazie ai video corsi. Alcuni dei nostri clienti ci hanno raccontato la loro esperienza con la formazione online:  puoi scoprire come sono riusciti a creare e vendere i loro corsi visionando le loro video testimonianze.

L’aspetto interessante è che non servono competenze tecniche: puoi creare e vendere il tuo videocorso in autonomia utilizzando il tuo smartphone e il tuo computer: dai un’occhiata al nostro ebook dal titolo “Come registrare il tuo videocorso in autonomia e senza spendere una fortuna”.

da | Set 21, 2020

Porta online la tua attività

Business in Cloud è la prima piattaforma italiana che ti aiuta a digitalizzare la tua professione in modo semplice e a gestirla in completa autonomia senza nessuna conoscenza tecnica.

Leggi anche