fbpx

Come fare un Business Plan? Esempi e consigli

Come fare un Business Plan? Esempi e consigli

da | Business

Spread the love

Come fare un Business Plan? Che informazioni inserire e quali tralasciare?

Prima di cercare di capire come fare un Business Plan dobbiamo chiarire a cosa serve e che vantaggi può portare alla nostra impresa. In questo articolo riassumeremo cos’è e a cosa serve un business plan, e descriveremo 7 componenti fondamentali, ovvero ciò che devi includere, ciò che invece devi tralasciare, come elaborare le cifre e alcune risorse sulle quali potrai fare affidamento. 

 

Potrebbe anche interessarti l’articolo “Migliorare una startup: idee, consigli e dritte per crescere

Business Plan: cosa è? A cosa serve?

Il Business Plan, detto anche progetto d’impresa, è quel documento che ti serve ad illustrare gli aspetti del processo della creazione della tua attività imprenditoriale. Attraverso il tuo business plan potrai verificare la fattibilità delle tue idee, sia dal punto di vista tecnico che da quello economico.

Il business plan è quel documento necessario in caso di richieste di finanziamenti finanziari, che siano pubblici o privati: dovrai preparare un documento che sia credibile, convincente e chiaro. È un po’ il biglietto da visita della tua idea d’impresa, ma è anche uno strumento di pianificazione, che ti permette di fare un’analisi obiettiva. Infatti, attraverso il Business Plan, potrai avere nero su bianco:

  • gli obiettivi da raggiungere
  • la descrizione dell’azienda
  • le risorse e i mezzi a tua disposizione
  • le strategie da attuare
  • l’analisi della concorrenza

Riepilogo degli obiettivi

Nel tuo documento, questa sezione è da porre subito dopo il titolo. Grazie al riepilogo, chi legge comprenderà immediatamente ciò che desideri mettere in atto. Si tratta di una componente fondamentale di un business plan. Troppo spesso, le intenzioni dell’imprenditore finiscono in fondo al documento. Metti subito in chiaro ciò che vuoi.

Descrizione dell’azienda

La descrizione dell’azienda comincia di solito con una descrizione del settore. Descrivendo il settore, bisogna far presenti sia la situazione attuale che le possibilità future. Dovresti anche fornire delle informazioni sui vari mercati cui si rivolge il settore, inclusi eventuali nuovi prodotti o sviluppi che possono influenzare positivamente o negativamente i tuoi affari.

 

Strategie di mercato

Le strategie di mercato sono il risultato di un’attenta analisi di mercato. Un’analisi di mercato porta l’imprenditore a familiarizzare con ogni aspetto del mercato, riuscendo così a definire il proprio target e posizionare la propria azienda in modo tale da inglobare una buona fetta di tale mercato.

Analisi della concorrenza

Lo scopo di quest’analisi consiste nel determinare i punti di forza e i punti deboli della concorrenza, nel delineare strategie che possano avvantaggiarti, alcune forme di barriera che puoi creare per difendere la tua fetta di mercato e qualsiasi debolezza che possa essere sfruttata all’interno del ciclo di sviluppo di un prodotto.

Piano di progettazione e sviluppo

Lo scopo del piano di progettazione e sviluppo consiste nel fornire agli investitori una descrizione del progetto del prodotto, del suo sviluppo interno al contesto di produzione, del marketing e dell’azienda stessa, e di creare un budget dedicato allo sviluppo che permetterà all’azienda di raggiungere i propri obiettivi.

Piano delle operazioni e del management

Il piano delle operazioni e del management è progettato per descrivere il percorso dell’azienda nel tempo. Questo piano evidenzia l’aspetto logistico dell’organizzazione e le varie responsabilità all’interno del team di management, i task assegnati a ogni divisione dell’azienda e i capitali e le spese relative alle operazioni.

Aspetti finanziari

I dati finanziari sono sempre situati in fondo a ogni business plan, ma ciò non significa che siano meno importanti dei documenti posti nelle prime pagine quali la descrizione dell’azienda o del team di management.

 

Se tutto ciò ti sembra complicato, o se credi di non disporre del tempo e/o degli strumenti per fare da solo un efficace business plan, potresti valutare l’idea di chiedere il supporto di un business coach: Scopri chi abbiamo selezionato per te

 

Conclusioni

Preparare un buon Business Plan richiede sicuramente tempo e dedizione, ma ne varrà la pena perché è uno strumento che ti aiuterà a prendere coscienza della realtà, ti esorterà ad affrontare aspetti e problematiche che presi dall’entusiasmo si potrebbero trascurare.

Per quanto riguarda la lunghezza del documento non ci sono regole predefinite: in base al tipo di idea da mettere nero su bianco, in relazione alla complessità e al grado di specificità, cambierà sia il livello di approfondimento di ciascun punto sia il tempo necessario per la sua elaborazione. Ma alla fine ne sarà sicuramente valsa la pena!

 

P.S. Ti Aspettiamo nella Community Italiana dei Professionisti Digitali

Entra nel nostro Gruppo Facebook Privato in cui avrai accesso a live di formazione gratuite settimanali tenute dai nostri migliori coach, strategie di marketing digitale e supporto da parte di tutta la nostra community di professionisti che stanno digitalizzando la propria attività esattamente come TE.

>> Clicca sul Link e Lasciaci la Tua E-Mail per Ricevere la Password di Accesso

 

da | Apr 28, 2017

Porta online la tua attività

Business in Cloud è la prima piattaforma italiana che ti aiuta a digitalizzare la tua professione in modo semplice e a gestirla in completa autonomia senza nessuna conoscenza tecnica.

Leggi anche