fbpx

Content Creator: chi è, cosa fa, come si diventa e quanto si guadagna

Content Creator: chi è, cosa fa, come si diventa e quanto si guadagna

da | Business

Spread the love

I social hanno dato vita a tanti nuovi lavori, uno di questi è sicuramente la professione del Content Creator.
YouTube è stata la prima piattaforma che ha dato la possibilità a ragazzi e ragazze di qualsiasi età, provenienza sociale e geografica di raccontare se stessi, mostrare la propria vita nei cosiddetti vlog, educare i propri followers su tematiche specifiche e intrattenere con contenuti divertenti.

I social stanno diventando sempre di più un terreno fertile su cui muoversi, sia per costruire il proprio personal brand sia per pubblicare contenuti che mirano a costruire una Community fedele.

In questo articolo ti cercherò di portare un po’ di chiarezza in questo mondo fatto di tanta fuffa e poca costanza, rispondendo a tre domande principali.

1. Chi è il content creator?

Erroneamente si pensa che il content creator si occupi esclusivamente della stesura di testi, di articoli per i blog o di post per i social. In realtà, è la mente creativa dietro ai progetti di comunicazione online, e quindi deve studiare, progettare e realizzare dei contenuti idonei ed efficaci.

I content creator sono tutti quelli che si scrivono contenuti per il blog o che producono video per YouTube, Twitch e Tik Tok. Sono i podcaster e quelli che scrivono e curano pagine LinkedIn e gruppi Facebook.

Il web, anno dopo anno, diventa un terreno sempre più interattivo in cui nascono continuamente nuove piattaforme e nuove tipologie di contenuti. Instagram e TikTok ne solo l’esempio lampante. Entrambi social mettono a disposizione all’interno delle proprie App un numero elevatissimo di contenuti che è possibile realizzare, dai video lunghi a quelli più brevi come i TikTok e i Reels, dalle Stories ai commenti, dalle foto ai caroselli, e così via.

Quindi, non solo bisogna saper realizzare contenuti accattivanti e creativi, ma anche conoscere le specifiche di ogni piattaforma e saper indirizzare i propri sforzi creativi verso il raggiungimento degli obiettivi di notorietà, crescita e conversione.

Il content creator spesso è una figura ibrida che copre vari ruoli, come quello del social media manager e dell’imprenditore digitale, ma anche quella dell’influencer. Non ci sono delle linee nette che distinguono e separano queste varie figure, ma si miscelano e si uniscono seguendo proprio la logica liquida del mondo digitale.

Oggi, sul web comunichiamo con diversi contenuti multimediali e con diverse modalità: tutto dipende dalla piattaforma che utilizziamo. Va da sé che quindi il content creator deve possedere un mix di soft e hard skills davvero unico nel suo genere:

  • bisogna avere ottime capacità di scrittura (in gergo copywriting);
  • saper attingere alla propria creatività in qualsiasi momento.
  • saper mettere a punto un progetto di comunicazione che sia in linea con gli obiettivi del cliente, con il mercato di riferimento, con il target, con il trend del mercato e con le specifiche di ogni singolo contenuto. Ad esempio, un carosello di immagini deve soddisfare delle caratteristiche molto diverse da un post singolo;
  • riuscire ad ideare, definire e creare prodotti multimediali vari tra loro. Il content creator deve saper realizzare materialmente i contenuti e non solo pensarli;
  • si sa coordinare con editor, webmaster, grafici, videomaker, e ogni figura che è incaricata alla realizzazione di contenuti multimediali;

2. Cosa fa un content creator?

Io direi più, cosa NON fa un content creator. Questo perché le attività che svolge sono innumerevoli e inquantificabili. Un Content Creator professionista crea TANTI contenuti utili e di valore. Si occupa di tutta la comunicazione visiva, emozionale e testuale di un brand. Parte sempre da un lavoro di ricerca iniziale per individuare quali sono i tipi di contenuti e gli argomenti in trend, cioè quelli che stanno riscuotendo maggiore successo online.

Una volta individuati, si passa alla loro realizzazione e, quindi, diventa importante saper utilizzare svariati softwares e tools per la grafica, come Adobe Photoshop o Canva, oppure Premiere o Da Vinci per il video editing, e sapersi districare tra gli strumenti per la pubblicazione dei contenuti delle varie piattaforme social.

Questo è un mestiere che non si impara sui libri di scuola. Si impara con la pratica, mettendosi in gioco e realizzando tantissimi contenuti per i propri canali social, per il proprio blog e canale YouTube.

3. Come monetizzare le competenze da content creator?

Se sei arrivat* fino a questo punto significa che è arrivato il momento di portare la tua professione al livello successivo.

Lanciare il tuo business digitale da freelancer è un ottimo modo per acquisire nuovi clienti e automatizzare le vendite dei tuoi servizi. Potenzialmente qualsiasi brand o azienda con un sito web e una presenza social ha bisogno di un content creator che crei i contenuti adatti al proprio brand, che sappia utilizzare il tone of voice adeguato e che sappia arrivare al mercato di riferimento.

Quindi, la prima cosa da fare per monetizzare le tue competenze è creare un sito web in cui presentare te stesso e i tuoi lavori in modo professionale, mettere in evidenza le recensioni dei tuoi migliori clienti, acquisire contatti di potenziali clienti attraverso un sistema di lead generation, gestire i contatti e segmentarli in base alla tipologia di clientela e creare Sales Page con sistemi di vendita e fatturazione automatica.

Questo mercato è abbastanza competitivo, perché in molti si improvvisano e svendono un lavoro spesso neanche fatto molto bene. In questo caso la professionalità e la tua esperienza possono essere la molla che faranno preferire te ai tuoi competitor.

All’interno della nostra piattaforma Business in Cloud abbiamo messo a punto un arsenale di tools che puoi utilizzare per lanciare il tuo business online e vendere i tuoi servizi professionali da Content Creator.

Come dicevamo, differenziarsi è la parola d’ordine: completa il tuo profilo acquisendo qualche competenza secondaria ma attinente a quella del content creator. Se quello che fai lo sai fare bene e se inoltre fornisci ai tuoi potenziali clienti qualcosa che i tuoi competitor non offrono, allora non potrai che avere successo.

Ma quanto guadagna un content creator? Questo molte volte è soggettivo e dipende da te: tu come vuoi venderti? A quanto vuoi vendere il tuo servizio? Quante tipologie di prodotti hai intenzione di vendere? Hai già realizzato una scala di valore della tua offerta? Punti a seguire pochi clienti grandi o uno pensi più di focalizzarti su progetti più piccoli? Quanto tempo hai da investire? Quanto sei disposto a spendere in formazione e promozione della tua attività?

Queste sono tutte domande che ti aiuteranno a stilare il pricing dei tuoi servizi. Inoltre, uno strumento che può venire in tuo aiuto è il simulatore di guadagni, si tratta di un calcolatore che ti permette di individuare il prezzo ideale del tuo prodotto digitale in base a due variabili.

Anche la scelta dell’inquadramento lavorativo gioca un importante ruolo nel determinare il volume dei guadagni che puoi raggiungere: puoi scegliere di diventare un imprenditore (leggi a proposito questo articolo su come diventare un imprenditore di successo) e quindi un lavoratore autonomo con Partita IVA, oppure un lavoratore dipendente. Anche qui dovrai scegliere in base alle tue attitudini e alle tue ambizioni. Il lavoro da autonomo è più incerto da un lato, ma pone le basi per una crescita se vogliamo senza limiti.

Conclusioni

La figura del content creator, come molte altre legate al mondo dell’online, è molto richiesta da tantissime aziende, influencer e personaggi famosi quindi non ti resta che costruire il tuo posizionamento e la tua autorevolezza. Wl web muta e si evolve a velocità sconvolgenti; se fino a ieri ci documentavamo leggendo un articolo di 2000 parole, oggi magari preferiamo un video, se prima digitavamo delle keyword sul motore di ricerca di Google oggi ci affidiamo alla ricerca vocale. Quindi, sfrutta le potenzialità del digitale per lanciare un tuo business online in cui monetizzare le tue competenze e cavalcare l’onda di un futuro sempre più digital e tecnologico.

 

da | Mag 18, 2022

Porta online la tua attività

Business in Cloud è la prima piattaforma italiana che ti aiuta a digitalizzare la tua professione in modo semplice e a gestirla in completa autonomia senza nessuna conoscenza tecnica.

Leggi anche